Bagna caôda (o càuda) d’estate

Tre ingredienti, basici e molto, molto, MOLTO strong.

L’aglio, di quello che fa piangere solo ad immaginarlo.

Ma, su una nota seria, l’aglio ha benefici per la salute tremendo. Si tratta di una fonte importante di antiossidanti che regola la pressione arteriosa e abbassa il colesterolo. L’aglio in realtà presenta proprietà antibatteriche e antifungine troppo. Ho scoperto un fatto eccitante di aglio. Aiuta con la vita sessuale. Beh, non sto scherzando. Aiuta ad aumentare il numero di spermatozoi e preserva la salute sessuale.

Vari fattori come la costipazione del clima causano sia negli adulti che nei bambini. Aglio latte è un rimedio meraviglioso per ingestione e problemi di costipazione.

Come fare un latte di aglio veloce e facile?

  1. Sbucciare e tenere 10-15 aglio baccelli in una ciotola.
  2. Lessare il latte con dell’acqua.
  3. Tritare finemente l’aglio pelato e aggiungerlo nell’acqua bollente.
  4. nel calore moderato, mescolare continuamente la miscela in modo che il sapore di aglio si scioglie in latte caldo.
  5. una volta che il latte è ridotto a metà, togliere la casseruola dalla stufa e filtrare il latte.
  6. aggiungere un cucchiaio di miele e sorseggiare il latte all’aglio.

Quello che non mi piace di più di aglio è, il suo odore! Eccessiva assunzione o aglio crudo provoca alito cattivo, a causa del suo elevato contenuto di zolfo, che non è buono. Assunzione di aglio, zenzero ai tempi di notte è troppo pesante per la nostra pancia e si traduce in privazione del sonno. La giusta quantità di aglio nel cibo giusto dà un sapore ricco. È qualcosa di inevitabile in cucina.

Le acciughe, che arrivavano dalle saline della Provenza o dalle foci del Rodano. La leggenda vuole che il commercio delle acciughe fosse soprattutto un modo per commerciare il sale, evitando di pagare i dazi: ai controlli dei gabellieri, i mastelli presentavano uno spesso strato di acciughe salate. Il sale era destinato ai signorotti di città e le acciughe rimanevano ai contadini. Nasce così la figura dell’anciué (l’acciugaio), mercante ambulante, che con il suo carro trainato da cavali o buoi trasportava il prezioso carico da paese a paese.